——————————————————————————————————————————————
COMUNICATO STAMPA DEL 28.11.2019

CARABINIERE IMPUTATO PER DISCRIMINAZIONE RAZZIALE ANTISEMITA: RIPROVEVOLE SILENZIO DELLA SENATRICE LILIANA SEGRE, FORSE PERCHE’ LA SUA SCORTA E’ COMPOSTA DA CARABINIERI ?

Abbiamo chiesto alla Senatrice a vita Liliana Segre una presa di posizione,  indipendentemente dal procedimento penale in essere (Tribunale di Civitavecchia, Giudice dr.ssa Rita Mannarà Pubblico Ministero dr. Lorenzo Del Giudice, processo penale nr. 8064/13 a carico di Mario Caruso, carabiniere imputato del reato di discriminazione razziale) in merito al Carabiniere che ha manifestato una chiara esaltazione non solo della figura del “Duce” ma anche dei metodi di eliminazione razziale antisemita.(http://www.affaritaliani.it/roma/w-il-duce-carabiniere-a-giudizio-apologia-del-fascismo-su-facebook-625218.html) , ma ad oggi nonostante il primo contatto e ben tre solleciti formali nessuna risposta ci è pervenuta - dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – E’ piuttosto singolare e certamente incoerente vedere la senatrice giustamente allarmarsi di fronte a casi di discriminazione razziale, antisemita e di apologia del fascismo compiuti da estremisti di destra o ultras di fede calcistica ma tacere ingiustificatamente se a compierli è un militare dell’ Arma. Forse tale riprovevole silenzio è dovuto al fatto che le è stata assegnata una scorta proprio dei Carabinieri ?


——————————————————————————————————————————————

COMUNICATO STAMPA DEL 15.11.2019

LA SINDACA RAGGI NOMINA UNA PLURIDENUNCIATA PER TRUFFA, FURTO E DIFFAMAZIONE AGGRAVATA


La sindaca Raggi ha nominato, tramite ordinanza della prima cittadina, Loredana Pronio quale delegata in materia di tutela del benessere e dei diritti degli animali del Comune di Roma.

“Restiamo sorpresi di apprendere tale notizia visto che il M5S ha ottenuto tutto il proprio consenso al grido di onestà e trasparenza ripudiando tutti i partiti politici, nessuno escluso, per poi scoprire che la Raggi ha nominato nel proprio staff una candidata dell’UDC passata poi a FdI oltretutto pluridenunciata. La Pronio è nota alle cronache giudiziarie* per essere stata accusata di furto e truffa con Claudia Montanarini. Tronista di Uomini & Donne, quest’ultima avrebbe girato alla Pronio un assegno da 50 mila euro rubato al marito, il costruttore Daniele Pulcini, chiedendole di incassarlo. Inoltre è stata denunciata per ben due volte dal presidente del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali, Enrico Rizzi,  per diffamazione aggravata.”- dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – ” I pentastellati hanno calpestato i propri valori e principi fondanti per scegliere certi soggetti, sono arrivati al capolinea”

* https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2014/09/18/tronista-montanarini-ruba-assegno-al-marito-ma-la-banca-lo-bloccaRoma08.html

* https://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/falso_ricettazione_nuove_accuse_ex_tronista_gia_ai_domiciliari-595524.html

* https://m.dagospia.com/nuovi-guai-per-l-ex-tronista-e-soubrette-claudia-montanarini-e-accusata-di-truffa-e-furto-178896

—————————————————————————————————————————————–

COMUNICATO STAMPA DEL 12.11.2019


DENUNCIATO L’EX MINISTRO DELLA SALUTE, GIULIA GRILLO (M5S),  PER OMISSIONI D’ATTI D’UFFICIO: LA PROCURA DI ROMA APRE UN FASCICOLO


La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ha avviato un procedimento penale 14530/19 convertito in NRG 13043/2019 P.M. Desirèe Digeronimo a seguito della denuncia-querela del Partito Animalista Europeo avverso l’ex Ministro della Salute, On. Giulia Grillo,  per omissioni d’atti d’ufficio.

I fatti afferiscono al Tavolo tecnico-scientifico del Ministero della Salute sui metodi alternativi alla Sperimentazione Animale, di cui il Partito Animalista Europeo ne era membro componente. Nell’ultima riunione del Tavolo del 7 gennaio 2018 è rimasta inevasa la discussione prevista dall’ Odg afferente “Esame della tabella con i dati relativi ai fondi utilizzati per l’attività di ricerca e sviluppo di metodi che non prevedono l’impiego di animali vivi, né di animali soppressi per fini scientifici.” Nonostante i reiterati solleciti formali, i dati relativi alla ripartizione dei milionari finanziamenti pubblici agli enti di ricerca privati e pubblici sono stati negati e secretati dal Ministro Grillo per tutta la durata del suo mandato, sebbene il P.A.E. avesse interessi nel procedimento amministrativo.

“Il fatto è ancor più disdicevole considerato che il M5S, di cui l’ex Ministro è tutt’oggi membro della Camera dei Deputati, ha ottenuto tutto il proprio consenso al grido di onestà e trasparenza all’insegna dello streaming. - dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli - Riscontriamo, di contro, che quando ricoprono gli scranni del potere i fatti non seguono le parole. L’ex Ministro Grillo evidentemente ha voluto coprire alcune situazioni scomode per il Governo a favore delle lobby della vivisezione ma a danno dell’intera collettività.”

————————————————————————————————————————————–

COMUNICATO STAMPA DEL 6.11.2019

SANT’AGNELLO (NA), CASA DEGLI ORRORI: DENUNCIATI  DUE VETERINARI ASL PER FALSO, OMISSIONI E FAVOREGGIAMENTO

RISCHIANO FINO A 6 ANNI DI RECLUSIONE

Sant’Agnello, Casa degli orrori. Depositata formale denuncia-querela avverso i veterinari Riccardo Guida e Erminia Raimondi appartenenti al personale ASL 3 Napoli Sud per avere verbalizzato con atto pubblico una “situazione di benessere animale nella norma” nell’appartamento della donna affetta da disturbi mentali lo scorso 21 settembre, ovvero appena qualche giorno prima del sopralluogo di altri veterinari ASL accompagnati da agenti di P.S. che hanno provveduto al sequestro, convalidato dal magistrato di turno, di tutti i 23 cani rinvenuti e contestualmente a denunciare la medesima donna per maltrattamento animali.


“I veterinari Guida e Raimondi hanno testimoniato una situazione totalmente diversa da quella oggettivamente riscontrata a margine del sopralluogo del 27 settembre, motivo per cui li abbiamo denunciati per i reati di omissioni d’atti d’ufficio, falsità ideologica in atto pubblico e favoreggiamento personale. – dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli - Nel secondo sopralluogo è stata accertata una situazione di degrado assoluto che perdurava da molto tempo: lesioni intraspecifiche dovute dall’aggressione tra cani, animali affetti da patologie e non curati, cuccioli malati detenuti nei cassetti, assenza dei requisiti igienico sanitari ed esalazioni fetide che hanno costretto a cure mediche alcuni agenti di Polizia. Tale drammatico contesto non si è prodotto in soltanto sei giorni. I reati contestati sono gravi, rischiano fino a 6 anni di reclusione, mi auguro che vengano condannati, è giusto che paghino “

——————————————————————————————————————————————

COMUNICATO STAMPA DEL 30.10.2019

CANILI COMUNALI DI ROMA FUORILEGGE, DENUNCIATI DIRIGENTI ASL: LA PROCURA INDAGA

APERTO UN FASCICOLO IN SEGUITO ALLA DENUNCIA DEL PARTITO ANIMALISTA EUROPEO

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ha aperto un fascicolo R.G.N.R. n.14531/19  a seguito della denuncia penale  del Partito Animalista Europeo contro il dirigente ASL – Dipartimento di prevenzione sanità animale ed igiene ed il dirigente ASL – Dipartimento di prevenzione del canile sovrazonale e controllo del randagismo,  per omissioni d’atti d’ufficio.


I fatti, la quindicennale  gestione fuorilegge AVCPP, riconfermata negli anni tramite 56 rinnovi di proroga di affidamenti diretti in convenzione tutti illegali senza avere mai vinto una gara pubblica, è stata condannata con Delibera n. 759 del 13.07.2016 ” Gestione dei canili rifugio e delle oasi feline di proprietà di Roma Capitale” a firma del Magistrato Cantone presidente dell’ Autorità Nazionale Anticorruzione.  Il fascicolo contenete atti penalmente rilevanti è stato trasmesso alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ed alla Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Lazio della Corte dei Conti per le relative indagini giudiziarie e tributarie nonché al Comando Generale della Guardia di Finanza di Roma per accertamenti di carattere patrimoniale ed ai Dipartimenti di Prevenzione delle ASL di Roma per accertamenti di carattere sanitario.

” A seguito della Delibera ANAC n. 759  abbiamo formalmente richiesto, tramite il nostro ufficio legale, ai dirigenti ASL di competenza tutta la documentazione relativa ai libri carico / scarico di tutti gli animali, cani e gatti, in entrata, in uscita (affidati o restituiti ai legittimi proprietari), deceduti. La tenuta dei libri vidimati dalla ASL è obbligatoria per legge, visto che il Comune eroga finanziamenti pubblici sulla base del numero degli animali detenuti,  nessuna risposta ci è mai pervenuta. - dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – Il rifiuto degli atti da parte dei responsabili ASL, nonostante la diffida penale e successiva denuncia-querela per il reato di cui all’art.328 c.p., mi dà motivo di sospettare una frode sul numero reale degli animali detenuti nei canili capitolini finalizzata ad un indebito arricchimento sulla pelle degli stessi. Per ora La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ha aperto un fascicolo di indagine R.G.N.R. n.14531/19.”

——————————————————————————————————————————————————————————-

COMUNICATO STAMPA DEL 23.10.2019

BOTTICELLE ROMANE FUORILEGGE, DENUNCIATA LA SINDACA RAGGI: LA PROCURA INDAGA.


APERTO UN FASCICOLO IN SEGUITO ALLA DENUNCIA DEL PARTITO ANIMALISTA EUROPEO


La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ha aperto un fascicolo R.G.N.R. n.14533/19  a seguito della denuncia penale  del Partito Animalista Europeo contro la sindaca Raggi circa l’illegalità del servizio di trasposto pubblico non di linea a trazione animale.

“Mancata applicazione dei regolamenti e delle leggi e/o omessa vigilanza sull’osservanza di tale norme, la Procura di Roma sta indagando a tutto campo. Di fatto le botticelle romane circolano in modo illegale, pertanto tale servizio deve essere immediatamente sospeso”.- dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – “Sono state violate, e tuttora lo sono, normative vigenti a livello comunale e nazionale: codice della strada (d.lgs. 285/1992),  artt. 67 e 70; il Regolamento di Roma Capitale sulla tutela degli animali (reg. 245/2005), e il testo unico regolamento comunale per la disciplina degli autoservizi pubblici non di linea (68/2011), i quali dettano anche le specifiche tecniche di circolazione delle carrozze. Da osservare che nessuna carrozza dispone di sistemi di sicurezza previsti dal Codice della Strada né di dispositivi catarifrangenti e di segnaletica rappresentativa il divieto di suonare e l’obbligo di superare il veicolo a distanza al fine di tutelare maggiormente i cavalli durante il servizio; e ancora nessuna carrozza dispone di rilevatori di temperatura omologati per cui gli agenti di Polizia possono verificare simultaneamente la temperatura oggettiva né tantomeno di tassametri e tariffari né della targa a norma del Codice della Strada” - conclude Fuccelli – “Altra anomalia riguarda la revisione quinquennale cui devono essere sottoposte le vetture poiché all’Amministrazione capitolina risulta essere mancante il registro specifico per le vetture a trazione ippica nessuna è mai stata sottoposta a verifica. Per le medesime violazioni ai tassisti sarebbe stato sequestrato il mezzo. Non si comprende questa disparità di trattamento visto che entrambe le categorie sono disciplinate dallo stesso Regolamento“.

—————————————————————————————————————————————————————————–

COMUNICATO STAMPA DEL 17.09.2019

“W IL DUCE…NEI FORNI CREMATORI COME GLI EBREI ” CARABINIERE A GIUDIZIO.
IL PAE CHIEDE PRESA DI POSIZIONE DEL MINISTRO DELLA DIFESA E DEL COMANDANTE GENERALE CARABINIERI

In merito ai gravi fatti compiuti dal Carabiniere Mario Caruso, imputato dei reati di cui all’art. 595, commi 1 e 3, c.p. e dell’art. 3 del del decreto legge 26 aprile 1993 n.122, discriminazione razziale e diffamazione, presso il Tribunale di Civitavecchia processo penale nr. 8064/13 giudice Dott.ssa Rita Mannarà, abbiamo chiesto al Ministro della Difesa, On. Lorenzo GUERINI, ed al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Giovanni NISTRI, di intervenire tempestivamente assumendo una netta presa di posizione ed un contestuale gesto di responsabilità nei confronti del Carabiniere, indipendentemente dall’iter processuale.

I fatti, il militare Mario Caruso  in servizio presso la Stazione Carabinieri di Civitavecchia ha esercitato un’azione intimidatoria, all’interno di un evento creato sulla pagina Facebook, proferendo una serie di insulti di gravità crescente. L’evento prevedeva una manifestazione pacifica per sensibilizzare il pubblico circa il rispetto per gli animali in concomitanza con il Torneo dei Butteri di Tolfa (Rm). Queste le parole per dissuadere i contestatori del torneo:- “se cera er Duceeeeeee altro che alla Nocchia venivate nei forni crematoi finivate con Hitler.” – ” siete peggio degli ebrei “- “Evviva Er duce”, oltre ad ulteriori gravi espressioni ingiuriose quali “io ti farei magnare la merda dei maiali e ti butterei dentro”.


Ebbene, se le espressioni riportate generano sgomento in qualunque cittadino, inserendosi peraltro in un momento storico in cui si sta combattendo con fermezza contro pregiudizi razzisti, il fatto che un Carabiniere della Repubblica, un uomo che dovrebbe lavorare per la difesa delle istituzioni democratiche, sorte dalle ceneri ed edificate sulla resistenza antifascista, si prolunghi in insulti fascisti e razzisti, lascia basiti. Il sig. Caruso ha manifestato una chiara esaltazione non solo della figura del “Duce”, ma anche dei metodi di eliminazione razziale da questi fatti propri.

Qui non si tratta di esprimere un’opinione politica, ma di commettere un’azione che provoca sdegno e preoccupazione, non consona al suo ruolo ed alla Carta Costituzionale, fondamento della nostra Repubblica. La Legge Scelba punisce chiunque “pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche”.

- Dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli

——————————————————————————————————————————————————————————

COMUNICATO STAMPA DEL 12.09.2019

“EVVIVA ER DUCE…SIETE PEGGIO DEGLI EBREI….NEI FORNI CREMATORI DI HITLER”: DOMANI IL PROCESSO PER IL CARABINIERE IMPUTATO DEL REATO DI DISCRIMINAZIONE RAZZIALE

Domani, venerdì 13 settembre ore 10, presso il Tribunale di Civitavecchia, via Terme di Traiano smc (Rm) davanti al Giudice Mannarà avrà luogo il processo penale nr. 8064/13 a carico del Carabiniere Caruso Mario imputato del reato previsto e punito dall’art. 595, commi 1 e 3, c.p. e dell’art. 3 del del decreto legge 26 aprile 1993 n.122 perché, mediante inserimento nella pagina di Facebook aperta alle persone offese delle seguenti frasi, aventi finalità di discriminazione razziale,  “se cera er Duceeeeeee altro che alla Nocchia venivate nei forni crematoi finivate con Hitler.” – ” siete peggio degli ebrei “- “Evviva Er duce”, offendeva la reputazione del Partito Animalista Europeo.
I fatti, il militare Mario Caruso in servizio presso la stazione dei Carabinieri di Civitavecchia ha esercitato un’ azione intimidatoria, all’interno di un evento creato sulla pagina Facebook, proferendo una serie di insulti di gravità crescente. L’evento prevedeva una manifestazione pacifica per sensibilizzare il pubblico circa il rispetto per gli animali in concomitanza con il Torneo dei Butteri di Tolfa (Rm). Queste le parole per dissuadere i contestatori del torneo:- “se cera er Duceeeeeee altro che alla Nocchia venivate nei forni crematoi finivate con Hitler.” – ” siete peggio degli ebrei “- “Evviva Er duce”, oltre ad ulteriori gravi espressioni ingiuriose quali “io ti farei magnare la merda dei maiali e ti butterei dentro”. I fatti assumono una connotazione di maggiore gravità visto che l’autore è un’ appartenente all’Arma dei Carabinieri. Deprecabile, offensivo ed ignobile il comportamento del Carabiniere denunciato per apologia del fascismo con l’aggravante della discriminazione razziale di stampo antisemita, anziché rispettare e fare rispettare la legge è lo stesso militare ad infrangerla. Il comportamento violento del Carabiniere oltre ad offendere noi ha offeso l’intera comunità ebraica,  disonorando l’Arma che comunque lui rappresenta.” - dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli - ” Sarebbe opportuno ed auspicabile che il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri sospenda tale individuo fino a sentenza passata in giudicato “

—————————————————————————————————————————————————————————-

COMUNICATO STAMPA DEL 13.06.2019

TABELLA DEI FONDI PUBBLICI PER LA RICERCA SCIENTIFICA SECRETATA DAL MINISTRO DELLA SALUTE: “ASSENZA TOTALE DI TRASPARENZA”, DIFFIDATA PENALMENTE DAL PARTITO ANIMALISTA EUROPEO

Trasmesso atto di diffida penale amministrativa ai sensi della legge n.86 e n.241/90 al Ministro della Salute Giulia Grillo per richiedere la tabella della ripartizione di finanziamenti pubblici destinati a società ed enti privati e pubblici nel settore della ricerca scientifica.

“Il    “Il Ministro Grillo ha congelato il Tavolo tecnico scientifico sui metodi alternativi alla sperimentazione animale per tutto il periodo del proprio mandato. Dall’ultimo incontro del Tavolo, relativo al periodo Lorenzin, è rimasta inevasa la discussione prevista dall’ Odg  afferente “Esame della tabella con i dati relativi ai fondi utilizzati per l’attività di ricerca e sviluppo di metodi che non prevedono l’impiego di animali vivi, né di animali soppressi per fini scientifici.” Proprio sulla questione della trasparenza dei fondi pubblici erogati il Tavolo si è fermato. - dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – Il PAE è membro componente del Tavolo e nonostante avesse interesse diretto concreto ed attuale nel procedimento amministrativo fino ad oggi i dati relativi alla ripartizione di tali finanziamenti pubblici sono stati negati e secretati dal Ministro, nonostante i tre solleciti formali, in barba alla trasparenza ed alla correttezza ma anche alla supposta ed ostentata onestà morale ed intellettuale dei portavoce pentastellati, per questo la decisione di diffidare il Ministro tramite il nostro legale Avv. Edward Quimi del Foro di Roma, rivolgendoci all’Autorità Giudiziaria qualora non pervenissero tali dati nei termini di legge”

——————————————————————————————————————————————————————————-

COMUNICATO STAMPA DEL 13.05.2019

EUROPEE 2019: LA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE M5S LANCIA UNA FAKE NEWS PER INGANNARE L’ELETTORATO

FUCCELLI, PARTITO ANIMALISTA: “E’ UNA FAKE NEWS, LA NUOVA LEGGE SULLA TUTELA ANIMALI NON ESISTE”

La pagina ufficiale Facebook M5s, con oltre un milione e quattrocentomila like, ha pubblicato la scorsa settimana un post titolato “LEGGE#PROTEGGIANIMALI” con il seguente testo ” Oggi in Senato abbiamo presentato la legge #ProteggiAnimali,…” con riferimento alla conferenza stampa presieduta dai Ministri Grillo, Bonafede e Costa che pubblicizzavano tale evento.

“E’ una fake news, la verità è che non c’è alcuna legge nuova, hanno semplicemente sponsorizzato un ddl presentato nel 2006 dal senatore Ferrarese e riadattato successivamente dal senatore Perilli, uno degli innumerevoli ammuffiti nei cassetti parlamentari. E’ solo una squallida propaganda elettorale a due settimane dalle elezioni europee per trattenere i voti degli animalisti delusi dalle promesse mai mantenute. – dichiara Stefano Fuccelli, candidato alle elezioni europee 2019 per la lista Partito Animalista – Rimango sorpreso nel vedere come il ministro Costa, l’unico non pentastellato, si sia prestato al gioco scorretto del M5s che fa passare per legge ciò che non è. Visto che il M5s è così sensibile alle tematiche animaliste perché tale proposta non è stata approvata lo scorso anno ? Il tempo a disposizione non mancava ”

—————————————————————————————————————–

COMUNICATO STAMPA DEL 19.04.2019

ELEZIONI EUROPEE 26 MAGGIO 2019 – “PER UNA EUROPA PIU’ FORTE IN DIFESA DEI PIU’ DEBOLI” – ADESSO L’ALTERNATIVA C’E', UNITI CE LA POSSIAMO FARE.

Il PARTITO ANIMALISTA che concorrerà alle prossime elezioni europee del 26 maggio 2019 rappresenta la collaborazione ed il sodalizio dei due partiti animalisti impegnati da sempre per la tutela degli animali, il Partito Animalista Italiano ed il Partito Animalista Europeo. E’ una lista autonoma ed indipendente non è collocata a destra, sinistra e centro ma collegata con i partiti animalisti eletti nell’Europarlamento.

L’obiettivo è di rafforzare il gruppo politico animalista europeo per avere peso nella stesura di Regolamenti e Direttive EU , solo in questa sede si potrà garantire la tutela ed il benessere degli animali.

Carcere per chi maltratta ed uccide animali, abolizione della vivisezione, contrasto al business dei randagi nei canili, circhi senza animali, abolizione della caccia, trasformazione degli allevamenti intensivi, chiusura degli allevamenti di pellicce ecc. ecc. sono tutte promesse disattese da tutti i Governi, nessuno escluso.

ADESSO L’ALTERNATIVA C’E’

—————————————————————————————————————–

COMUNICATO STAMPA DEL 12.04.2019

BOTTICELLE ROMANE: CHIESTA L’IMPUTAZIONE COATTA PER L’EX COMANDANTE GENERALE DEI VIGILI, DIEGO PORTA.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ha aperto un fascicolo R.G.N.R. n.97829/2018 assegnato al Pubblico Ministero Dott. Antonio Clemente a seguito della denuncia del Partito Animalista Europeo contro il comandante generale della Polizia locale, Diego Porta, circa l’illegalità del servizio di trasposto pubblico non di linea a trazione animale. In data odierna, a seguito della richiesta di archiviazione del P.M., l’Avv. Edward Quimi, legale del PAE, ha presentato opposizione al G.I.P. con richiesta di imputazione coatta per Diego Porta.

“Sono state violate, e tuttora lo sono, normative vigenti a livello comunale e nazionale: codice della strada (d.lgs. 285/1992), artt. 67 e 70; il Regolamento di Roma Capitale sulla tutela degli animali (reg. 245/2005), e il testo unico regolamento comunale per la disciplina degli autoservizi pubblici non di linea (68/2011), i quali dettano anche le specifiche tecniche di circolazione delle carrozze. Da osservare che nessuna carrozza dispone di sistemi di sicurezza previsti dal Codice della Strada né di dispositivi catarifrangenti e di segnaletica rappresentativa il divieto di suonare e l’obbligo di superare il veicolo a distanza al fine di tutelare maggiormente i cavalli durante il servizio; e ancora nessuna carrozza dispone di rilevatori di temperatura omologati per cui gli agenti di Polizia possono verificare simultaneamente la temperatura oggettiva né tantomeno di tassametri e tariffari né della targa a norma del Codice della Strada” – dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli- “Altra anomalia riguarda la revisione quinquennale cui devono essere sottoposte le vetture poiché all’Amministrazione capitolina risulta essere mancante il registro specifico per le vetture a trazione ippica nessuna è mai stata sottoposta a verifica. Per le medesime violazioni ai tassisti sarebbe stato sequestrato il mezzo. Non si comprende questa disparità di trattamento visto che entrambe le categorie sono disciplinate dallo stesso Regolamento“.

—————————————————————————————————————–

COMUNICATO STAMPA DELL’8.03.2019

INCRIMINATA DALL’AUTORITA’ NAZIONALE ANTICORRUZIONE, CONDANNATA DAI MEDIA MA PREMIATA CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI ROMA

IL PARADOSSO DELLA SINDACA RAGGI

L’Amministrazione capitolina ha rilasciato il patrocinio Roma Capitale ad un evento dove l’ Associazione Volontari Canile Porta Portese (AVCPP), l’associazione che ha gestito per 15 anni i canili comunali di Roma nella più totale illegalità, è parte dell’organizzazione.

La gestione fuorilegge AVCPP, riconfermata negli anni tramite 56 rinnovi di proroga di affidamenti diretti in convenzione tutti illegali senza avere mai vinto una gara pubblica, è stata oggetto della Delibera n. 759 del 13.07.2016 ” Gestione dei canili rifugio e delle oasi feline di proprietà di Roma Capitale” a firma del Magistrato Cantone presidente dell’ Autorità Nazionale Anticorruzione, i cui atti penalmente rilevanti sono stati trasmessi alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ed alla Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Lazio della Corte dei Conti per le relative indagini giudiziarie e tributarie nonché al Comando Generale della Guardia di Finanza di Roma per accertamenti di carattere patrimoniale ed ai Dipartimenti di Prevenzione delle ASL di Roma per accertamenti di carattere sanitario.

Da ricordare che nell’ultimo anno di gestione fuorilegge la predetta associazione aveva occupato abusivamente il canile comunale di Roma impedendo con intimidazioni ed aggressioni l’insediamento dei nuovi affidatari vincitori del regolare bando pubblico fino a quando è intervenuta con la Forza pubblica per sgomberare definitivamente l’occupazione abusiva e mettendo fine ad un quindicennio di illegalità.

Tale scandalosa gestione è stata, inoltre, oggetto di interesse mediatico tramite il servizio de L’Arena su Rai 1 recante “Quanto soldi pubblici nel business dei randagi” http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e8c2abda-6325-492d-9524-90b9b922a4ee.html -dal minuto 01:25:10 – , occupando la prima pagina nazionale de Il Tempo dal titolo ” 60 milioni ai volontari. E’ il grande affare del Campidoglio sui canili” , le cronache romane de Il Messaggero ” L’Anac: mazzette nei canili. Dossier dell’Autorità Anticorruzione in Procura – Appalti pilotati e maltrattamento animali su tutti gli impianti” , solo per citare alcuni esempi.

” E’ incomprensibile come la medesima associazione responsabile della quindicennale gestione fuorilegge, del business dei randagi con soldi pubblici e del maltrattamento e decesso di centinaia di animali detenuti perennemente in sovrannumero ed in condizioni incompatibili con la propria natura etologica , sia contestualmente incriminata dall’Autorità del magistrato Cantone, condannata dai media nazionali ma premiata dall’Amministrazione Roma Capitale con il rilascio del patrocinio per l’evento che si svolgerà il 31 marzo ore 15,00 in piazza San Giovanni in Laterano – dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – E’ un paradosso inaccettabile oltretutto fuorviante perché si lancia un messaggio volto ad avallare la condotta di tale associazione, per questo abbiamo interessato formalmente il Gabinetto della Sindaca Raggi, protocollo n. RA/2019/0014529, chiedendo l’immediata revoca del patrocinio ma non ci è pervenuta alcuna risposta in merito.”

——————————————————————————-

COMUNICATO STAMPA DEL 27.02.2019

ALLEVAMENTI E PESCA INTENSIVI: L’ANTITRUST PRESERVA I PROFITTI DELLE INDUSTRIE A DANNO DELL’ECO SISTEMA E DELLA SALUTE PUBBLICA

A seguito della richiesta di censura relativa alle pubblicità ingannevoli di Assocarni (finanziata dal Ministero delle politiche agricole) e Rio Mare, trasmesse su canali televisivi nazionali, dirette ad informare i consumatori circa le qualità benefiche delle carni alimentari provenienti dagli allevamenti intensivi nonché il rispetto della pesca sostenibile praticata dai loro pescherecci industriali, l’AGCM ne ha deliberato l’archiviazione per manifesta infondatezza.

“Inaccettabile la delibera dell’AGCM che ha totalmente ignorato le raccomandazione OMS sulla base di 800 studi dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) circa la cancerogenicità accertata della carne alimentare nonché le criticità afferenti gli allevamenti intensivi, considerati dalla Food and Agricolture Organization (FAO) “vivai di malattie emergenti . Ha ignorato, inoltre, il recente report delle Nazioni Unite recante l’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030 L’Agenda include 17 obiettivi chiave, uno dei quali è dedicato esplicitamente alla pesca. Si tratta dell’obiettivo 14, che richiama la necessità di lavorare per la conservazione e l’uso sostenibile degli oceani e delle risorse marine. – dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – L’Antitrust ha archiviando le nostre richieste asserendo che gli allevamenti intensivi approcciano la “intensivizzazione sostenibile” (dato attinto dal sito di Assocarni) e che la pesca sostenibile è rappresentata principalmente dal metodo della pesca a canna (dato attinto dal sito Riomare) proveniente da filiere certificate MSC Marine Stewardship Council (ignorando la scarsa credibilità dello stesso organismo in evidente conflitto di interesse con le industrie della pesca. Fonte The Guardian, Greenpeace, responsabile per avere certificato attrezzi di pesca distruttivi, come i pescherecci a strascico, che hanno impatti negativi sull’ecosistema marino bentonico, Fonte Greenpeace ). Incredibilmente l’Antitrust ha creduto alle sedicenti affermazioni delle aziende oggetto della nostra segnalazione piuttosto che agli autorevolissimi organismi internazionali quali OMS, FAO, ONU, IARC ed agli ambientalisti di Greenpeace, evidentemente l’Antitrust preserva i profitti delle industrie a danno dell’ecosistema e della salute pubblica”

——————————————————————————

COMUNICATO STAMPA DEL 15.02.2019

CANILE DEGLI ORRORI: A PROCESSO IL RESPONSABILE, IL COORDINATORE PROVINCIALE OIPA.

ARCHIVIATA LA QUERELA DELL’OIPA ITALIA CONTRO IL PAE PERCHE’ IL FATTO E’ VERO

Cani detenuti all’interno del canile lager di Buseto Palizzolo (Trapani) in condizioni igienico sanitarie pessime, ricoperti di pulci e zecche, malati di gastroenterite e costretti a camminare in un pavimento completamente invaso da escrementi e diarrea. Alcuni reclusi dentro le gabbie senza cibo e con le pedane invase da escrementi e topi morti Due cani giacevano a terra privi di vita. Uno era già in stato avanzato di decomposizione. Questo è quanto hanno accertato i Carabinieri intervenuti in seguito alla denuncia del Partito Animalista Europeo. Il canile è stato posto sotto sequestro ed i cani trasferiti in strutture a norma, più accoglienti e molti adottati. Denunciato il responsabile di fatto della struttura, Vario Alberto, coordinatore provinciale delle Guardie Eco-Zoofile OIPA, rinviato a giudizio il processo è tutt’ora incorso. Il Pubblico Ministero Dott. Andrea Tarondo, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trapani aveva disposto il rinvio a giudizio per rispondere del reato ex art. 544 tre c.p. perché “in qualità di Coordinatore Provinciale dell’Associazione delle Guardie Eco-Zoofile O.I.P.A. di Valderice, nonché quale responsabile di fatto della struttura abilitata a canile del comune di Buseto Palizzolo, (in pessime condizioni igienico sanitarie col pavimento invaso da escrementi), per crudeltà e senza necessità, sottoponeva tutti gli animali presenti in detta struttura, (ricoperti di zecche e pulci) a trattamenti che procuravano un danno alla salute degli stessi, cagionando la morte di due esemplari.“

“Le immagini sono scioccanti, si tratta di un vero e proprio canile lager. Chi ha gestito gli animali in questo modo è un criminale senza scrupoli ma il fatto ancora più grave è che il responsabile di tutto questo sia stato il coordinatore provinciale trapanese delle Guardie Eco-Zoofile OIPA. – dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – Chi avrebbe dovuto rispettare maggiormente gli animali e che avrebbe dovuto garantire la tutela degli stessi in virtù dell’incarico ricoperto di fatto si è macchiato di questo reato. Incredibilmente il presidente e rappresentante legale della OIPA ITALIA ONLUS con sede a Milano, Massimo Comparotto, anziché denunciare anch’esso il coordinatore provinciale ha preferito querelare per diffamazione il PAE negando addirittura che il medesimo coordinatore provinciale svolgesse alcuna attività per conto o nell’interesse dell’Oipa. Lo stesso Comparotto ha affermato inoltre di avere subito danni patrimoniali di 25.000 euro a causa delle accuse indicate nella nota su Facebook “ONLUSsiani, le associazioni che lucrano sulla pelle degli animali” , articolate con lo scopo precipuo di ottenere un indebito vantaggio patrimoniale consistente nel dirottare in favore del Pae le donazioni del 5×1000, ignorando però che i partiti politici sono esclusi dai soggetti che possono fruire di tale misura di sussidiarietà fiscale. Adesso, con Ordinanza n.35614/2017 R.G.N.R. e n.20929/2018 R.G.G.I.P. depositata nella cancelleria del Tribunale di Milano in data 13 febbraio 2019, il Giudice per le indagini preliminari dott.ssa Marchiondelli ha integralmente condiviso le argomentazioni articolate dal Pubblico Ministero nella richiesta di archiviazione ed, in seguito all’opposizione del presidente dell’Oipa, ha ordinato l’archiviazione. – conclude Fuccelli – Il Giudice ha confermato che il contenuto della nota del Pae ONLUSsiani nella fattispecie corrisponde a verità, non avevamo dubbi ma adesso è certificato anche dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Milano e dallo stesso Tribunale. Mi auguro che il presidente e rappresentante legale Oipa Italia Onlus, Massimo Comparotto, non abbia utilizzato soldi delle donazioni per affrontare le spese legali e processuali per una causa che nulla a che vedere con la tutela degli animali. ”

——————————————————————–

COMUNICATO STAMPA DEL 28.01.2019

TRENTINO, ABBATTIMENTO LUPI: IL PRESIDENTE FUGATTI FA PROPAGANDA ELETTORALE SULLE MENZOGNE

“Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, strumentalizza la presenza dei lupi per fini propagandistici in vista delle prossime elezioni europee favorendo contestualmente la lobby dei cacciatori. Di fatto, Fugatti, sta mentendo ai suoi concittadini in quanto la competenza su abbattimenti e fauna selvatica è esclusivamente statale pertanto non può deliberare alcuna misura in tal senso. Fugatti ha memoria corta, anzi cortissima, visto che a giugno scorso la legge provinciale con licenza di uccidere i lupi è stata impugnata e quindi bloccata dal Governo Conte davanti alla Corte Costituzionale.” Dichiarazione del presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli

——————————————————————

COMUNICATO STAMPA DEL 26.01.2019

TRAPANI, CIRCO ORFEI ILLEGALE :

IL PARTITO ANIMALISTA EUROPEO SOLLECITA INTERVENTO DEL PREFETTO PER BLOCCARE GLI SPETTACOLI

Trapani. Il Presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli, chiede l’intervento pubblico del Prefetto di Trapani affinché interrompa immediatamente lo svolgimento degli spettacoli circensi vista l’inidoneità dell’area per mancanza dei requisiti igienico-sanitari e di sicurezza nonché per detenzione in condizioni non compatibili con la natura ecologica degli animali tenuti in gabbie anguste così come confermato lo scorso 23 gennaio dall’Asp di Trapani.

“Nonostante i ripetuti interventi avvenuti nel corso degli anni del collega animalista, Enrico Rizzi, che ringrazio per essere sempre attento e vigile, quell’area viene sempre utilizzata dai circensi nel pieno spregio delle norme vigenti. Lo stesso senatore Maurizio Santangelo ravvisò in passato gravi criticità. In data odierna, ignorando il parere negativo della Asp locale il primo cittadino, Giacomo Tranchida, risulta che abbia autorizzato l’esercizio dell’attività circense. Il sindaco è la massima autorità sanitaria locale e di pubblica sicurezza, motivo per cui valuteremo nelle prossime ore se notiziare la Magistratura. Faccio un appello al Prefetto di Trapani affinché metta in sicurezza i cittadini e garantisca il benessere degli animali, sospendendo immediatamente lo svolgimento degli spettacoli. Le norme esistono per essere applicate e gli organi preposti hanno l’obbligo di farle rispettare”.

—————————————————————

COMUNICATO STAMPA DEL 6.12.2018

ANIMALISTI IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO: DISATTESE TUTTE LE PROMESSE ELETTORALI

Sono passati sei mesi dall’insediamento del nuovo Governo e ad oggi non solamente tutte le promesse fatte in campagna elettorale non sono state mantenute ma anche quanto indicato nel contratto di Governo è stato completamente ignorato, anzi, l’unico atto riguardante gli animali è stato eseguito dal Mipaaft  che ha finanziato una campagna promozionale di Assocarni utilizzando il servizio pubblico Rai per incentivare il consumo di carne alimentare, omettendo oltretutto le raccomandazioni dell’OMS circa i rischi per la salute pubblica derivanti dal consumo di quanto pubblicizzato.

E’ prevista la partecipazione di alcune migliaia di cittadini sensibili alle tematiche animaliste determinati a raggiungere Roma da tutta Italia in un giorno feriale  per contestare l’inerzia di questo Governo. La manifestazione, autorizzata dalla Questura di Roma, si svolgerà in piazza di Montecitorio venerdì 14 dicembre ore 15.

LINK DELL’EVENTO https://www.facebook.com/events/268980046957136/?active_tab=about

—————–

COMUNICATO STAMPA DEL 29.11.2018

ANIMALISTI IN PIAZZA CONTRO L’INERZIA DEL GOVERNO: INASCOLTATE LE ISTANZE DELL’OPINIONE PUBBLICA

E’ sempre più diffuso il malcontento che si percepisce da una parte della società civile, quella più sensibile alle tematiche relative alle ingiustizie perpetrate sugli animali, ormai delusa da una classe politica inerte nel risolvere tali problematiche e che ignora le proprie istanze. Per questo motivo è prevista una mobilitazione nazionale, regolarmente autorizzata dalla Questura di Roma, per venerdì 14 dicembre ore 15 a Roma in piazza di Montecitorio.

La classe politica non ha saputo intercettare le istanze dell’opinione pubblica evidentemente esasperata, tale inerzia sta conducendo la collettività verso una pericolosa deriva giustizialista. Il grave fatto di questi giorni a Siracusa, riportato dai media nazionali, dove l’autore di una uccisione crudele di un gatto è stato massacrato a bastonate da comuni cittadini finendo in ospedale, è la conferma di un segnale allarmante che evidenzia il fallimento della giustizia. - dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – Visto che tre italiani su dieci accolgono un animale domestico in casa  (Eurispes: Rapporto Italia 2018 )  e che le tematiche concernenti la sofferenza, sfruttamento ed uccisione degli animali registrano la contrarietà di oltre l’80% della popolazione italiana (Eurispes: Rapporto Italia 2016. La sindrome del Palio ) chiediamo di prendere posizione, senza personalismi ed in modo trasversale tra tutte le forze politiche rappresentative, in merito alla questione garantendo l’impegno, non più procrastinabile, di modificare una legge ormai inadeguata per i valori di una società migliore e considerata ingiusta dal giudizio e modo di pensare collettivo della maggioranza dei cittadini.- conclude Fuccelli – Ieri abbiamo contattato i capigruppo della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica al fine di estendere l’invito alla partecipazione del 14 dicembre a tutti i Parlamentari impegnati in tale ambito e già stanno confermando le prime adesioni.”

LINK EVENTO https://www.facebook.com/events/268980046957136/?active_tab=about


COMUNICATO STAMPA DEL 15.11.2018

Dalla data odierna è attivo il nuovo sito web, organo di informazione del PAE. Oltre alla veste grafica che lo rende più facilmente consultabile  il nuovo sito prevede la nuova funzione dei COMUNICATI STAMPA.

Un ringraziamento a tutti i nostri lettori.